Gestire la dieta in famiglia evitando i contrasti

Gestire la dieta in famiglia evitando i contrasti

Quando in famiglia non tutti sono a dieta

Dimagrire  è una questione del tutto personale, occorre amare se stessi e avere la capacità di porre il proprio benessere prima di ogni altro aspetto della vita.
Occorre prendere coscienza del fatto che se si decide di cambiare modo di approcciarsi al cibo lo si fa esclusivamente per se stessi e non per inseguire modelli estetici imposti da altri.
Occorre focalizzare le proprie necessità e convincersi che sebbene la famiglia sia fondamentale nei suoi bisogni collettivi, anche i nostri lo sono. Se non troviamo il nostro equilibrio non possiamo essere parte dell’equilibrio del nostro gruppo familiare.
Qualunque possa essere la motivazione per cui decidiamo di perdere peso,  purché sensata, dovremmo mettere in conto che probabilmente i nostri familiari non ci aiuteranno in questo processo che a volte può essere anche molto lungo e faticoso.
In famiglia chi non ha problemi di peso non percepisce quasi mai correttamente le esigenze di chi ne ha e si cade molto spesso in dinamiche che obbligano la preparazione di pasti differenti che alla lunga logorano la volontà di chi è a dieta.

La buona abitudine dovrebbe essere quella di preparare un unico pasto per tutta la famiglia, dai grandi ai piccoli, perché essere a dieta non significa certo che non si debba mangiare in misura piacevole e varia.

Il suggerimento che vogliamo darvi spassionatamente è quello di trovare la motivazione e la forza di affrontare una dieta prima nel vostro intimo liberandovi da ogni forma di vincolo mentale e di “dovere” familiare. Solo quando raggiungerete un equilibrio personale lo potrete motivare con pacata risolutezza ai vostri familiari e loro potranno comprendere l’importanza delle vostre argomentazioni abbracciandole a loro volta.

Il luogo dove si spera che una persona possa avere serenità, almeno relativa, è la propria casa e quindi affrontare la dieta senza imposizioni ma con risolutezza impone che tutta la famiglia porga il proprio contributo evitando di peccare di egoismo ma, al contrario, brillando per altruismo.

Essere a dieta tra le mura domestiche può diventare impossibile poiché abbiamo sovente un atteggiamento legato al paradigma:

DIETA=PRIVAZIONE

Nulla di più sbagliato e dannoso per la propria ed altrui autostima: essere a dieta significa mangiare in misura adeguata evitando cibi e bevande che possano alla lunga causare dei danni alla nostra salute.

Da qui comprendiamo che essere a dieta significa preparare i propri pasti scegliendo in maniera consapevole e serena, liberandosi da ogni sovrastruttura che induca al consumo “compulsivo” ed inevitabile di cibi esageratamente dannosi.

La vita può scorrere serenamente anche senza mangiare dolci o bere alcolici con la pacata certezza che, qualora lo volessimo, nessuno ci impedirebbe di goderci una bella fetta di dolce oppure di bere un piacevole bicchiere di vino.

La normalità non è nutrirsi prevalentemente di cibi grassi e zuccherini, questo modo di mangiare dovrebbe essere l’eccezione occasionale legata a momenti magari conviviali della nostra vita.
Ebbene, la famiglia è il luogo dove ogni suo membro dovrebbe sentirsi felice e sereno e dove gli obblighi reciproci conducano all’aiuto reciproco. Si mangia tutti allo stesso modo, si parla a tavola, si spegne la televisione… Il cibo diventa così il veicolo per l’unione familiare e non il motivo di un contrasto o di malcontento domestico.

SMT

 

 

 

2 Commenti

  1. Marilena Nezi

    Link apprezzatissimo. Grazie! In casa mia, dopo la confusione iniziale, ora le abitudini sono pienamente condivise (ma è stato facile, siamo solo in due..) Nel fine settimana, quando viene mio figlio le regole non cambiano e gradisce ugualmente. La variante è il dolce a fine cena (premio…) e quello che resta del dolce se lo porta a casa…😂.Funziona così anche per amici e parenti.

     
    • Team di Vaffanciccia

      Grazie Marilena,
      condividiamo a pieno il tuo pensiero. Gli inizi sono sempre difficili ma se ci mettiamo in discussione pacatamente si possono fare grandi conquiste….

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*